Gruppo svizzero per le regioni di montagna

7

Il SAB da il proprio contributo affiché i giovani possano restare nelle loro regioni d'origine.

Ruedi Lustenberger, ex-Presidente del Consiglio nazionale e membro del Comitato del SAB

1

Per vivere bene in montagna, dobbiamo batterci ancora di più per mantenere e sviluppare un'economia attrativa e durevole. Il SAB gioca cosi pienamente il proprio ruolo di sstegno e di promotore delle professioni e delle popolazioni di Montana.

Pierre Mathey, direttore dell'Associazione Svizzera delle guide di montagna

3

Per mantenere vive le zone rurali e di montagna occorre garantire la presenza di servizi di base e salvaguardare i posti di lavoro legati all’agricoltura, alle PMI ed al turismo. Il SAB si adopera da sempre per questi obiettivi e pertanto lo apprezzo e lo sostengo!

Raffaele De Rosa : Consigliere di stato (TI)

4

Il SAB rappresenta con convinzione i comuni d montagna presso il Parlamento federale. Per questo motivo è importane che tutti i comuni di montagna facciano parte del SAB.

Peter Flück, ex-presidente della Conferenza regionale Oberland-Ost e membro del Comitato del SAB

6

Il SAB sostiene con successo la Società Svizzera d'economia alpstre (SSEA) nelle sue azioni a favore dell'agricoltura di montagna.

Immagine: © „Gstaad Saanenland Tourismus“

Erich von Siebenthal, Consigliere nazionale e Presidente della SSEA

Il Gruppo Svizzero per le regioni di montagna (SAB)

Il Gruppo svizzero per le regioni di montagna (SAB) è un'associazione che si impegna affinché gli interessi delle regioni di montagna siano presi in considerazione. Per queste ragioni, il SAB difende anche gli interessi politici delle regioni di montagna, mirando così ad assicurare un aiuto sostenibile. Il SAB è si impegna però anche di modo attiva, partecipando a numerosi progetti. Durante la sua Assemblea generale 2019, il SAB ha anche pubblicato la sua visione 2035.

 Diventate membro del SAB!

14

Il SAB sostiene a spada tratta l’agricoltura di montagna e l’allevamento, dei settori fondamentali per il territorio e le sue ataviche tradizioni. Le risorse anche in regioni discoste e meno accessibili vanno difese e rispettate con cura e parsimonia. Per mantenerle in vita bisogna dar loro le necessarie priorità, anche politicamente: il SAB svolge questo lavoro con grande impegno e costanza!

Sem Genini, Segretario Agricolo Cantonale Unione Contadini Ticinesi (UCT)

13

Il SAB, sviluppando il suo marchio per i giovani delle regioni di montagna, ha concepito un progetto innovativo e lungimirante.

 

Josef Schuler, ex. responsabile della Promozione della cultura e della gioventù- Cantone di Uri

12

Il Forum dei giovani del SAB ci offre l’occasione unica di partecipare allo sviluppo dei comuni che hanno ottenuto il marchio « gioventù ».  

 

Moreno Donato, presidente del Forum dei giovani del SAB

10

Il SAB rappresenta un partner affidabile per assicurare il mantenimento del servizio universale che sia disponibile su tutto l’insieme del territorio.

Reto Lindegger, ex. direttore dell' Associazione dei Comuni Svizzeri

Ultime comunicazioni

La Confederazione risponde - in parte - alle preoccupazioni delle regioni di montagna. Il comunicato stampa è disponibile unicamente in tedesco.

Comunicato stampa sulla PA 22+

Leggi tutto

Un estratto dalla nostra rivista Montagna 01 - 02/2020, dedicata al tema "25 anni di Volontari montagna" è ormai disponibile qui

Leggi tutto

La nuova Legge sulla caccia crea delle regole chiare per la regolamentazione di specie protette da parte dei guardacaccia cantonali e aumenta così la sicurezza per animali, natura e persone. Promuove anche la biodiversità grazie al sostegno federale per gli habitat naturali della fauna selvatica. CacciaSvizzera, Unione Svizzera dei Contadini, Gruppo svizzero per le regioni di montagna e ulteriori numerose organizzazioni e istituzioni sostengono gli adeguamenti.

 Communicato riguardante la nuova legge sulla caccia

 

Leggi tutto

Nell’ambito della revisione della legge sulla caccia, il Parlamento federale ha modificato una legislazione che non era più adatta ai bisogni attuali. Questa revisione assicura la sicurezza giuridica, permette di gestire la fauna in maniera equilibrata e di trattare i grandi predatori in modo pragmatico, trovando delle soluzioni per quanto riguarda gli individui che abbiano causato dei danni presso gli animali di allevamento. Il referendum annunciato mette in pericolo le conquiste della nuova legge sulla caccia, e minaccia la coesione della Svizzera.

Comunicato stampa sulla nuova legge sulla caccia

Leggi tutto

Dialogate con noi su Facebook e Twitter